Sundar Pichai, amministratore delegato dell'azienda Google Inc., ha annunciato di aver reso gratuita la versione a pagamento della piattaforma Google Meet, con la quale è
possibile fare videochiamate e videoconferenze. L’emergenza del Coronavirus e la conseguente richiesta di soluzioni per le riunioni di lavoro e per le videochiamate tra amici o famigliari ha spinto l 'azienda a prendere queste decisione. Finora per accedere alla versione premium della piattaforma, era necessario un abbonamento G Suite Business o un account educational.
Dal mese di maggio l'utente potrà accedere a Google Meet per effettuare una videochiamata o una videoconferenza e potrà usufruire di quasi tutte le funzionalità della versione premium: la condivisione dello schermo, i sottotitoli in tempo reale e il filtro antirumori.

Sino al 30 settembre le riunioni virtuali non avranno un limite di durata. Gli utenti possono usare o il browser oppure le applicazioni per iOS e Android. Le aziende che vogliono usare qualche opzione avanzata di Google Meet, come la possibilità di aggiungere un numero di telefono Voip per far partecipare le persone tramite telefono, possono aderire ad un nuovo piano G Suite “light” chiamata Essentials, che include oltre a Meet anche Google Drive, Google Docs e Google Slides per creare contenuti. Google ha annunciato che i tutti i dati di Meet non saranno utilizzati per la pubblicità e non saranno venduti ad aziende terze. La versione premium gratis della piattaforma sarà disponibile nei prossimi giorni e per accedervi basterà andare su meet.google.com.