Gli integratori non sono farmaci, ma alimenti; non possono contenere sostanze farmacologicamente attive, ma solo vitamine, minerali, enzimi e altri composti specificati dalla normativa europea e inclusi in un Registro con un apposito codice che può essere riportato nell’etichetta. Gli integratori sono venduti liberamente e commercializzati da farmacie, parafarmacie, erboristerie, supermercati e online, senza l’obbligo della prescrizione medica, poiché si tratta di sostanze alimentari. Negli ultimi anni anche il campo degli integratori alimentari è stato interessato dalla contraffazione: la severa regolamentazione europea in materia di medicinali e l’inasprimento delle sanzioni per la loro falsificazione, hanno indotto la criminalità organizzata a dedicarsi alla commercializzazione di integratori alimentari contraffatti, i quali avendo un basso costo di produzione e essendo vendibili liberamente, sono una grossa fonte di guadagno. Si stima che il 50% degli italiani e il 30% degli europei utilizzino integratori alimentari; i giovani assumono soprattutto integratori per il controllo del peso e per il potenziamento sessuale. Sono maggiormente interessati dalla contraffazione gli integratori energizzanti, utilizzati allo scopo di aumentare le performance atletiche, gli integratori nootropi per migliorare le prestazioni nello studio o nel lavoro e gli integratori brucia grassi; poiché l’acquisto dei corrispondenti farmaci prevede la prescrizione medica, i consumatori comprano i suddetti integratori, che possono contenere sostanze dopanti e altre non dichiarate, e rappresentano un grosso rischio per la salute. Per distinguere un integratore autentico da uno contraffatto, si può:

  1. verificare l’autenticità del prodotto consultando il Registro degli integratori notificati direttamente dal portale web del Ministero della Salute
  2. controllare l’etichetta, che obbligatoriamente riportare i seguenti elementi:
    1. il nome delle categorie di sostanze nutritive o delle altre sostanze che caratterizzano il prodotto o una indicazione relativa alla natura di tali sostanze;
    2. la dose raccomandata per l’assunzione giornaliera;
    3. l’avvertenza a non eccedere le dosi raccomandate per l’assunzione giornaliera;
    4. l’indicazione che gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata;
    5. l’indicazione che i prodotti devono essere tenuti fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età;
    6. l’effetto nutritivo o fisiologico attribuito al prodotto sulla base dei suoi costituenti in modo idoneo a orientare correttamente le scelte dei consumatori. (DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari)
  3. per essere sicuri di star acquistando integratori alimentari tramite farmacie online autorizzate, basterà verificare la presenza, su ogni pagina dedicata alla vendita di medicinali, di un logo che ne certifica la conformità. Cliccando su di esso si raggiunge il sito web del Ministero della Salute dove è possibile verificare se il venditore online è registrato nell'elenco di quelli autorizzati.