RISCOSSIONE PORTA A PORTA: ULTERIORE ABUSO DI POTERE DA PARTE DI ABBANOA

Alcuni nostri assistiti ci hanno comunicato che, nelle ultime ore, dei fantomatici ufficiali della società “Ge.o.s Sardegna S.p.A” si stanno recando presso le abitazioni degli utenti per riscuotere fatture idriche insolute, proponendo anche eventuali piani di rientro.
Inutile dire che si tratta dell'ennesimo abuso di potere perpetrato dalla S.p.a Abbanoa nei confronti dei consumatori.
Metodi illegittimi e poco opportuni.
Ciò che sconvolge maggiormente è il silenzio assordante della giunta regionale, che continua ad avallare scelte scellerate e oltre ogni ragionevolezza, nel disprezzo assoluto degli utenti.
Invitiamo tutti i cittadini a non aprire a questi agenti di riscossione e soprattutto non firmare alcun documento, per qualsiasi chiarimento e eventuali segnalazioni contattare la sede territoriale più vicina a voi.

 

FEDERCONSUMATORI SASSARI: IMPORTANTE DEFINIZIONE CONCILIATIVA CON UN PRIMARIO ISTITUTO DI CREDITO

Dopo una lunga battaglia portata avanti per mesi , Federconsumatori Sassari la scorsa settimana ha chiuso in conciliazione un contenzioso insorto fra una propria iscritta ed una Banca locale , facendo ottenere lo storno pressochè totale di somme addebitate in circa tre anni a titolo di “CIV, commissioni di istruttoria veloce”.
I fatti: l’Associata , esercente una attività commerciale, aveva un conto corrente con un modesto fido che in più periodi aveva superato anche più volte nello stesso trimestre. Sulla base della normativa capestro che il sistema bancario , con la complicità della Banca d’Italia , si è inventata nel 2013 in sostituzione della commissione di massimo scoperto ( non più applicabile) , la Banca ha addebito € 80 ogni volta che il saldo debitore del conto superava il limite di fido . Con questo sistema alla cliente venivano carpite cifre nell’ordine di € 1.500- 1600 annuali, in aggiunta – ovviamente - agli interessi ordinari e agli altri oneri calcolati come da contratto.
Tali addebiti , in sommatoria, avrebbero determinato sistematicamente l’usurarietà delle condizioni : purtroppo ciò non avveniva perché , ai fini dell’usura , la normativa della Banca d’Italia consente alle banche di determinare l’incidenza percentuale della CIV non rapportata al singolo trimestre ma spalmata sull’intero anno.
In fase di contestazione abbiamo eccepito alla controparte che tale normativa , ancorchè iniqua e da noi affatto condivisa, nasceva dall’assunto , più volte citato nella normativa di vigilanza , che l’evento del fuori fido nell’operatività ordinaria ed ordinata della banca deve costituire una eccezione . Al verificarsi di ciò la banca deve gestire il rapporto o liquidandolo se non ritenuto affidabile, oppure adeguando il fido alle manifestate maggiori esigenze . Inoltre per legittimare tali addebiti la banca deve provare di aver effettivamente sostenuto “degli oneri di istruttoria” , supportando l’affermazione con l’esibizione di apposita normativa che traccia il percorso operativo interno riservato a tali operazioni.
La citazione di varie sentenze in tal senso assunte indistintamente dai tre collegi dell’Arbitro Bancario Finanziario ha persuaso la banca ad accogliere, pressochè interamente, la richiesta di rimborso di quanto addebitato; non è azzardato ritenere che con tale decisione abbia voluto evitare di trovarsi coinvolta in una causa le cui conseguenze sarebbero potute essere realisticamente di ben altro peso sia nei confronti diretti della nostra Associata e sia per l’ effetto domino che avrebbe potuto determinare soprattutto nella ipotesi – peraltro non improbabile - di sentenza favorevole alla Cliente.


Federconsumatori Sassari

Sinnai: Solanas senza acqua, Abbanoa e il suo continuo abuso di potere.

Ennesimo caso di abuso di potere da parte della S.P.A Abbanoa, che vede coinvolta l'intera cittadinanza di Sinnai nella località turistica di Solanas.
Da circa due settimane, a causa della scarsa disponibilità della risorsa idrica, alcune zone subiscono cali di pressione o interruzione del servizio comportando un grave disagio per i residenti, per gli esercenti commerciali e per i villeggiatori.
Il gestore unico ha deciso di interrompere il servizio per un contenzioso con la S.p.A Acqua Vitana – che gestisce il servizio idrico nel territorio di Sinnai – e il Comune di Sinnai, avente ad oggetto la contestazione e la richiesta di pagamento da parte di Abbanoa a Acqua Vitana di diverse fatture prodotte in acconto contenenti tariffe sovrastimate rispetto a quanto previsto dal tariffario EGAS.
La S.p.A Acqua Vitana ha fatto fronte al pagamento parziale dell'insoluto dovuto, sulla base dei consumi realmente rilevati e sulla base della tariffa di riferimento dell'Ente Gestione Acque Sarde.
Dal punto di vista normativo, dinanzi a un contenzioso in atto, la controparte (in questo caso Abbanoa) non ha alcuna facoltà di procedere a interruzioni del servizio, incorrendo – dunque – in un vero e proprio atto illecito.
La Federconsumatori, da anni si batte contro i soprusi messi in atto dalla dirigenza Abbanoa, con azioni mirate alla tutela del consumatore.
Sono i cittadini a pagarne le dirette conseguenze e a dover subire le continue difficoltà di una mala gestione del servizio e di un totale disinteresse da parte del gestore Abbanoa delle problematiche e dei diritti di tutta la popolazione.
In questo marasma, la politica regionale tace, l'assessore regionale di competenza non prende alcuna posizione in merito.
Vi ricordiamo che Abbanoa è una società a partecipazione totalitaria pubblica, per cui è la Regione a dover dettare gli indirizzi politici, ma, per ora riscontriamo solo un continuo elogio e encomio da parte di chi dovrebbe rappresentarci in sede di Consiglio.
La politica è un servizio e non un dominio.

 

Andrea Pusceddu - Presidente Federconsumatori dell Sardegna

 

Vademecum sanzioni saldi: Collaborazione tra Federconsumatori e Comando Polizia Municipale

In vista dei futuri saldi e in virtù di una maggiore tutela del consumatore, a seguito di un colloquio tenutosi tra l'Avv.Romina Tore e il Capitano Lo Giudice, è nata una fattiva collaborazione tra la Federconsumatori della Provincia di Cagliari e il Comando di Polizia Municipale di Cagliari.

In allegato il vademecum indicante le sanzioni in applicazione della Legge Regionale 18 maggio 2006, n.5.

 http://www.federconsumatorisardegna.it/images/Vademecum.jpg

Servizio Civile Nazionale: Progetto Federconsumatori "Diversi costumi, stessi consumi"

Il Progetto “Diversi costumi, stessi consumi” nasce con l’intento di porre l’ attenzione necessaria sui diritti, gli interessi ed i bisogni dell’immigrato in quanto consumatore che
necessita di informazione, consulenza ed assistenza logistica e/o pratica nel disbrigo di pratiche in materia in prevalenza logistica, burocratica e/o legislativa, fungendo, nei casi richiesti, a causa di una scarsa conoscenza della lingua italiana e/o di una precaria condizione socio- culturale, da valida interfaccia per relazionarsi alle istituzioni in grado di soddisfarne bisogni e richieste, garantendo un servizio di affiancamento/ supporto e/o assistenza nella compilazione di modulistiche e/o documentazioni da produrre.

Obiettivo generale del progetto sarà quello di ottimizzare la proposta globale degli interventi di tutela in ambito consumeristico rivolti al soggetto immigrato, attraverso un’adeguata assistenza, logistica e/o pratica, supporto, sostegno ed integrazione, mediante la valorizzazione e l’incremento dell’informazione, estendendola, con la funzione di orientamento e consulenza per l’accesso alla rete integrata dei servizi al fine di:
Avere informazioni complete in merito ai diritti, alle prestazioni, alle modalità di accesso ai servizi;
Conoscere le risorse disponibili sul territorio che possono risultare utili per affrontare esigenze e bisogni legate alla condizione di difficoltà in cui versano;
Avere maggiore supporto circa le modalità di accesso;
Segnalare e trasmettere direttamente al servizio di competenza eventuali illeciti in materia consumeristica;
Estendere le informazioni e l’assistenza ad un maggior numero di soggetti, mediante una capillare diffusione;
Promuovere interventi di sensibilizzazione territoriale, volti a restituire al cittadino uno spazio di accoglimento, orientamento ed integrazione

Tale obiettivo permetterà di raggiungere uno standard qualitativo minimo ed omogeneo sui territorio considerati.

Benefici
La presente proposta progettuale si propone come un percorso concreto nella direzione di cittadinanza e partecipazione attiva.
Si intende agire sulle aree di bisogno individuale del consumatore per apportare significativo contributo sull’attuale sistema dei servizi offerti dallo Sportello Migranti di Federconsumatori Campania e Federconsumatori Cagliari, attivi sul territorio, fornendo una risposta ai tanti immigrati che necessitano di supporto in termini di accesso alle informazioni, di consulenza ed assistenza in funzione di disservizi riscontrati, rivolgendosi con particolare attenzione a tutti coloro che, per motivi di isolamento, emarginazione e/ o disinformazione, non riescono in alcuno modo ad accedere alla rete assistenziale ed informativa realizzata dallo Sportello Migranti, risultando scarsamente integrati nella società, oltre che ignari delle opportunità e delle possibilità di cui potrebbero usufruire, in materia logistica, pratica e/o burocratica.

 In allegato la domanda di adesione e il testo integrale del progetto.

 Domanda di Adesione 

Bando Nazionale 2016

Progetto "Diversi costumi, stessi consumi"

 

 

Federconsumatori

  

 

Mappa